Crea quello che vuoi con il mantra Ahh

Questa è una tecnica meditativa che I Segreti dell’Essere ha imparato dal maestro spirituale Dr.Pillai (Dattatreya Siva Baba) di cui troverete info nel sito www.pillaicenter.com.

Dr.Pillai ha donato questa tecnica meditativa  una decina di anni fa al famoso scrittore Wayne Dyer, che appunto cita la tecnica nei suoi libri e seminari.

E’ una meditazione molto semplice ed esistono diversi video su Youtube in cui Dr Pillai guida gli studenti durante la meditazione, in questo post verranno elencati i passi principali. Un esempio di meditazione guidata da Dr. Pillai qui sotto (in Inglese).

Innanzi tutto questa tecnica è per coloro che desiderano creare qualche cosa, per esempio un oggetto materiale, un lavoro o qualsiasi altra situazione che non danneggi se stessi ed il prossimo. Il mantra Ahh è un suono di creazione, che connette con il divino, per questo motivo viene utilizzato in questa meditazione.

I Segreti dell’Essere ha provato questa tecnica molte volte e parecchie volte ha avuto successo, ecco perché ha voluto fare un post dedicato ad essa, così che anche altri potranno sperimentare ed eventualmente raccogliere i frutti di questa meditazione.

La tecnica è la seguente:

1) Ci si siede in un posto tranquillo e si chiudono gli occhi.

2) Ci si concentra sul chakra della radice (osso sacro) e si pronuncia ad alta voce il suono Ahh più volte (da 3 a 9 volte).

3) Si cerca di sollevare l’energia sottile creata attraverso il suono Ahh verso il secondo chakra, quello che si trova alcuni centimetri sotto l’ombelico e si pronuncia ad alta voce il suono Ahh più volte (da 3 a 9 volte).

4) Si esegue questo processo per ogni chakra (ombelico, plesso solare, cuore, gola) fino ad arrivare al chakra del terzo occhio, quello in mezzo alle sopracciglia.

5) A questo punto si immagina quello che si vuole creare nel terzo occhio e ci si immagina nella situazione di possedere già l’oggetto. Come nella legge d’attrazione, è importante sentire davvero le sensazioni sensoriali che questo oggetto ci darebbero se ce l’avessimo davanti (nel caso di un oggetto materiale ovviamente, se l’oggetto è intangibile, ci si deve concentrare sulle sensazioni, che la situazione ci farebbe provare).

6) A questo punto si pronuncia ad alta voce il suono Ahh più volte (da 3 a 9 volte) e lo si dirige mentalmente verso le immagini di quello che vogliamo creare nel terzo occhio.

7) Si ripete il passo n.5 (opzionale).

8) Si ripete il passo n.6 (opzionale).

9) Si afferma con intenzione e ad alta voce: ” Amo questa realtà e devo averla. Non averla non è un opzione, amo tantissimo questa realtà”.

10) Ci si rilassa e si aprono gli occhi.

11) Si lascia che l’universo crei la cosa che volevamo creare, senza stress ed aspettative riguardo a come, dove e quando questa cosa si materializzerà nella nostra vita.

I Segreti dell’Essere ha provato questa meditazione in un periodo in cui necessitava di un computer, più esattamente di un laptop. I soldi erano scarsi in quel periodo, per questo decise di provare la meditazione Ahh, visualizzando un laptop. Dopo un mese o due una somma di denaro inaspettata fece capolino da qualche angolo dell’universo e I Segreti dell’Essere riuscì a comprare un laptop nuovo di zecca da un migliaio di euro. Come se non bastasse, più avanti  I Segreti dell’Essere continuava a ricevere gratuitamente ulteriori laptop, fino ad arrivare ad avere 4 laptop a disposizione e non sapere più che farsene di così tanti! Questa è una piccola testimonianza, per dirvi che la tecnica funziona davvero se fatta con dedizione e costanza.

Quando ci si esercita con questa tecnica per le prime volte, si consiglia di creare qualcosa di più contenuto inizialmente, se funzionerà vi darà l’incoraggiamento e la confidenza necessari per creare poi cose più grandi come un’auto o una casa nuova.

Il suono Ahh è potente, si prega di utilizzarlo solo per creare cose che non danneggiano gli altri o voi stessi.

 

Al momento entrambi commenti e ping sono bloccati.

Comments are closed.

Powered by WordPress | Designed by: Psprint San Francisco | Thanks to homeinbayarea.com
newsletter software